L’imprenditore previdente, saggio che raggiunge il successo: le regole d’oro, ovvero la filosofia di Amundsen

  1. Ama il benessere, non il denaro;
  2. Ama i suoi collaboratori, ma non li vizia;
  3. Ama i suoi clienti, ma ne cerca continuamente di nuovi;
  4. Ama i suoi prodotti, ma non li considera migliori degli altri;
  5. Fa tornare i conti aziendali, prima dei suoi;
  6. Imprenditore è importante, non arrogante;
  7. Cerca le giuste risorse, ma sa che non basteranno mai;
  8. Rispetta le banche e gli enti finanziatori, ma lavora per farne a meno;
  9. Ha bisogno di tutti e di nessuno;
  10. Persegue lo sviluppo, ma non lo fa a debito;
  11. È sapiente, non saccente;
  12. Sul suo sapere aggiornato, fonderà la sua autorevolezza;
  13. Apprende e usa le nuove tecnologie, perché in esse sta il segreto della competitività;
  14. Sa che il sapere richiede applicazione, dedizione, sacrificio;
  15. Sarà l’esempio, non la facciata;
  16. Farà comunicazione, non pubblicità;
  17. Cercherà il consenso, ma non dipenderà da esso
  18. Sarà umano, mai disumano;
  19. Dirà la verità a chi la può capire;
  20. Premierà il merito e il talento, mai il ruffianismo;
  21. Nel business vige una regola assoluta: o tanti soldi o tanto tempo;
  22. Gestisce con saggezza gli errori, ma non li considera nè peccati, nè colpe;
  23. Deve avere l'approccio del combattente "non sempre cavaliere";
  24. Deve sapere che combatterà tutta la vita;
  25. Deve sapere che, specie oggi, "chi fa da se, fa abbondantemente per tre".
  26. Se apre un cerchio lo chiude sempre. Sono in gioco la sua immagine e la sua credibilità
  27. Sa che la sua immagine e la sua credibilità sono la dotazione fondamentale della sua azienda
  28. E' attentissimo al concetto di feed-back

Imprenditore: vivere cercando la verità,specie nel mondo attuale, non è semplificarsi la vita. Ma se fai questo mestiere non hai scelta! Dice Terenzio:L’ossequio ti genera amici,la verità odio.

L’impresa sana però nasce dalla  verità.

La verità non è di parte,non è interessata,è giusta. Ma la verità è la premessa indispensabile per trovare metodicamente soluzioni adatte. Nel mondo del business non si fa eccezione. Niente è più difficile del farsi un’idea obbiettiva e giusta,in questo mondo affetto da informazioni interessate,che fanno un fumo,una nebbia impenetrabili ai più. Il sistema non vuole che tu sappia,vuole solo che tu ne abbia l’illusione. Devi sapere quel che serve…..al manovratore! Non è una novità,è sempre stato così,ma non è mai stato così svergognatamente conclamato e addirittura ostentato come un merito. Tu però sei un imprenditore,devi risolvere dei problemi reali,se li risolvi bene, hai successo e vivi una vita gratificante, sennò no. Allora non hai scelta,devi cercare la verità,con tutto quel che ne consegue. E’ una ragione per cui questo blog è nato: aiutarti a cercare quella verità di business,che ti serve per capire bene e interpretare ancora meglio la mission della tua azienda,rendendola compatibile con una qualità di vita superiore. Capire cosa succede nel tuo mercato,vedere se sei “congruo”,con un concetto che ti è ben chiaro,ma non ha nulla di fiscale. Adeguare proposte e ritorni. Una fatica di Sisifo. Inevitabile se vuoi restare sulla breccia con successo e gratificazione.

La verità mi fa male ….lo sai.La verità ti fa male….lo so! La verità richiede sapere e livello intellettuale e morale,perché non persegue interessi,ma giustizia. Sembriamo così lontani dal mondo del business. Eppure no.Le ricorrenti crisi generali,e quelle aziendali anche conseguenti,ne sono la prova. E poi per chi ha un po’ di esperienza,non viviamo da sempre in una crisi permanente? Per una ragione o per l’altra. Il sistema cerca le crisi…..degli altri,perché è così che si vince facile:mantenendo deboli i possibili concorrenti.Ma se tu capisci queste cose,e operi di conseguenza,puoi sbaragliare il campo. Naturalmente devi farlo con discrezione:il sistema uccide chi viene allo scoperto e non è dell’establishment. Devi cercare e capire le cose così come sono,devi dotarti delle conoscenze e dei sensori giusti,con un tipo di lavoro che assomiglia molto ormai,all’intelligence. Amundsen è nato nella confusione totale rovinosa per il capo imprenditore,per dargli un’ancora di salvezza e portarlo lontano dai marosi interessati,nel porto

dell’appagamento. Un metodo per governare la conoscenza, e sistema per governare le decisioni Impegno e disciplina. Faticosi,ma conosci mezzi comodi per ottenere risultati tosti? Noi no. Possiamo anche essere sfigati. Ma normalmente non è sfiga ma realismo. Dunque cerca la verità, la realtà del tuo business. Molti imprenditori si offendono quasi a toccare questo argomento: come a dire noi non conosciamo la nostra realtà? La risposta è no, conoscete la vostra realtà, ma molte volte siete lontani dalla verità. Una dimostrazione è che di frequente si teme il confronto con altri. Temiamo di essere giudicati,quando avremo bisogno solo di essere aiutati Amundsen ti aiuta.

 

                                                                                                   Ing. Flavio De Crescenzo

Commenti chiusi per questo articolo.

Leggi i nostri ultimi articoli:

Improve the web with Nofollow Reciprocity.