L’imprenditore previdente, saggio che raggiunge il successo: le regole d’oro, ovvero la filosofia di Amundsen

  1. Ama il benessere, non il denaro;
  2. Ama i suoi collaboratori, ma non li vizia;
  3. Ama i suoi clienti, ma ne cerca continuamente di nuovi;
  4. Ama i suoi prodotti, ma non li considera migliori degli altri;
  5. Fa tornare i conti aziendali, prima dei suoi;
  6. Imprenditore è importante, non arrogante;
  7. Cerca le giuste risorse, ma sa che non basteranno mai;
  8. Rispetta le banche e gli enti finanziatori, ma lavora per farne a meno;
  9. Ha bisogno di tutti e di nessuno;
  10. Persegue lo sviluppo, ma non lo fa a debito;
  11. È sapiente, non saccente;
  12. Sul suo sapere aggiornato, fonderà la sua autorevolezza;
  13. Apprende e usa le nuove tecnologie, perché in esse sta il segreto della competitività;
  14. Sa che il sapere richiede applicazione, dedizione, sacrificio;
  15. Sarà l’esempio, non la facciata;
  16. Farà comunicazione, non pubblicità;
  17. Cercherà il consenso, ma non dipenderà da esso
  18. Sarà umano, mai disumano;
  19. Dirà la verità a chi la può capire;
  20. Premierà il merito e il talento, mai il ruffianismo;
  21. Nel business vige una regola assoluta: o tanti soldi o tanto tempo;
  22. Gestisce con saggezza gli errori, ma non li considera nè peccati, nè colpe;
  23. Deve avere l'approccio del combattente "non sempre cavaliere";
  24. Deve sapere che combatterà tutta la vita;
  25. Deve sapere che, specie oggi, "chi fa da se, fa abbondantemente per tre".
  26. Se apre un cerchio lo chiude sempre. Sono in gioco la sua immagine e la sua credibilità
  27. Sa che la sua immagine e la sua credibilità sono la dotazione fondamentale della sua azienda
  28. E' attentissimo al concetto di feed-back

In azienda non ci sono scuse : i conti devono tornare, ora più che mai.

Il resto del Sistema vive della ricchezza prodotta dalle aziende. Si è creato un contesto per cui solo l’azienda sana o “risanificata” godrà di supporto dal sistema, specie del credito.

L’epoca degli haum haum sta finendo (è duro però a morire) a meno che uno di soldi ne abbia proprio tanti. In verità al momento il sistema del credito non sta aiutando neanche le aziende valide, per i noti problemi propri, e anche perché esso è educato a valutare le garanzie, non il merito dei business.

In questa situazione l’imprenditore, non escluso l’artigiano, deve affrontare in modo diverso – a volte opposto – i problemi, ed è dura uscire dalla routine .

Il primo passo è cessare di lavorare a braccio e solo per il breve termine, ma con una prospettiva strategica che non dà risultati nel breve e che sempre richiede investimenti anche di tempo da parte dell’ imprenditore. Ci vuole anche disciplina culturale e mentale.

Il contrario del modo normale di lavorare attuale, anche se facciamo fatica ad ammetterlo.

Ma è da qui che bisogna ricominciare, ed è perciò che è nato Amundsen, il grande strumento per darsi una disciplina nello svolgere professionalmente, con profitto e con successo il “mestiere” di Imprenditore.

Sei d’accordo?

Commenti chiusi per questo articolo.

Leggi i nostri ultimi articoli:

Improve the web with Nofollow Reciprocity.